gennaio 30, 2023

Sapevi che il sonno del tuo bambino gioca un ruolo particolarmente importante nel suo sviluppo cognitivo? La maggior parte dello sviluppo cerebrale (apprendimento, attenzione, linguaggio, memoria) avviene durante il sonno, consentendo al cervello di assorbire e immagazzinare tutto ciò che ha imparato durante il giorno.

Allora cosa fai quando il tuo bambino raggiunge un punto in cui è così stanco che riesce a malapena a dormire? Logicamente può sembrare che più il tuo bambino è stanco, più facilmente e meglio dormirà, ma di solito non è così. Infatti, quando il tuo bambino è privato del sonno, qualsiasi ulteriore mancanza di sonno si aggiunge al suo "debito di sonno" e, proprio come con un conto bancario, il debito continua ad accumularsi.

L’eccessiva stanchezza nei bambini può essere un circolo vizioso ma la buona notizia è che, nella maggior parte dei casi, può essere prevenuta. Naturalmente, adottare ogni giorno abitudini di sonno sane e a lungo termine è un ottimo modo per garantire che il tuo bambino riceva il riposo di cui ha bisogno; MA a volte non è nelle tue mani o semplicemente non siamo ancora arrivati!

COSA FACCIO SE IL MIO BAMBINO È TROPPO STANCO?

Il primo passo è sempre quello di evitarlo, ma tuttavia non è un segreto che a volte le cose non vanno come previsto. Una visita al supermercato è durata più del previsto, hai perso la cognizione del tempo, non sembravi stanco, o un milione di altre possibilità!

Quando il tuo bambino ha superato il punto di stanchezza ed è diventato eccessivamente stanco, il passo successivo è lavorare per calmarlo prima di provare a farlo addormentare. Puoi aiutarlo a calmarlo con il movimento (fare una passeggiata, un giro in macchina, camminare e saltare, ecc.), rimanendo al suo fianco per il contatto o dandogli un ciuccio se lo accetta. Per maggiori dettagli su come calmare un bambino esigente, consulta questo post del blog .

Una volta che il tuo bambino si è calmato, puoi lavorare per aiutarlo ad addormentarsi (anche se potrebbe essersi già addormentato durante una di queste tecniche calmanti!).

Ricorda, la chiave affinché il tuo bambino possa addormentarsi in modo indipendente è riuscire ad addormentarlo completamente sveglio. Ecco perché è così importante fare tutto il possibile per evitare che il tuo bambino si stanchi troppo. Se sono spesso troppo stanchi, non riusciranno a dormire facilmente e, di conseguenza, non avranno la possibilità di apprendere le competenze necessarie per dormire in modo autonomo.

CHE COSA CAUSA LA STANCHEZZA ECCESSIVA NEI NEONATI E COME SI PRESENTA?

L’esaurimento provoca il rilascio di maggiore adrenalina e dell’ormone dello stress cortisolo. Questi ormoni, in combinazione e per un lungo periodo di tempo, possono far sì che il bambino rimanga in uno stato di privazione del sonno (e sfortunatamente, non ci vuole molto per arrivare a questo punto!)

Se il tuo bambino mostra segni di privazione del sonno, i fattori più comuni che potrebbero contribuire all'esaurimento sono costantemente:

  • Essere sovrastimolati (troppo e per troppo tempo)
  • Essere sveglio troppo a lungo (vale a dire sempre oltre la finestra di veglia adeguata all'età)
  • Sperimentare il sonno interrotto (risvegli notturni)
  • brevi sonnellini
  • primi risvegli

E mentre questo ciclo continua, l’eccessiva stanchezza causa tutto quanto sopra! ⠀

COME PREVENIRE LA STANCHEZZA ECCESSIVA NEI NEONATI?

I neonati ci danno sempre segnali che sono pronti a dormire, ma decifrarli e interpretarli correttamente non è sempre facile e intuitivo!

Il modo più semplice per evitare che il tuo bambino si stanchi troppo e per farti addormentare più facilmente è fare tutto il possibile per individuare i primi segni di stanchezza e seguire la finestra di veglia adeguata all'età del tuo bambino.

( Leggi il nostro blog sulle finestre di sonno consigliate per età !)

Ogni bambino mostra segni diversi di stanchezza, quindi ci vorrà del tempo e alcuni tentativi ed errori per apprendere i segnali unici del tuo bambino. Mentre la finestra di veglia del tuo bambino si avvicina alla fine, ecco alcuni dei primi segnali di stanchezza più comuni da tenere d'occhio (il tuo bambino potrebbe mostrare solo uno o più di questi segni!):

  • Guarda altrove
  • Evitare la stimolazione
  • Occhi e sopracciglia rossi
  • Si strofina gli occhi e il naso
  • Si tira le orecchie

Una volta che inizi a vedere uno o più di questi primi segni di stanchezza, è ora di iniziare una routine della buonanotte. Questo è il momento perfetto per esercitarsi a far dormire il tuo bambino sveglio, poiché il successo arriverà con il momento giusto (cioè prima che sia troppo stanco) e molta pratica costante.

TIENI A MENTE

Se il tuo bambino inizia a mostrare i seguenti segnali, è un segnale di avvertimento che si sta avvicinando a uno stato di estrema stanchezza (se non lo è già) ed è pronto per essere messo a letto il prima possibile:⠀⠀⠀⠀

  • Sbadiglio
  • Pianto
  • difficile calmarsi
  • andarsene
  • Iperattività

Conoscere e comprendere questi segnali di stanchezza è importante per due ragioni principali:

  1. Innanzitutto non è semplice addormentare per un riposino un bambino stanco. Cerca di non aspettare che i segnali siano così evidenti. L'ideale è prestare attenzione ai segnali precoci e sottili per assicurarsi che il tuo bambino si rilassi più facilmente ed è il momento ideale per esercitarsi a metterlo a dormire sveglio (che è la chiave affinché il tuo bambino impari ad addormentarsi in modo indipendente!).
  2. In secondo luogo, i segnali di stanchezza possono apparire simili (a volte identici) ai segnali di fame. Un ottimo modo per distinguere tra i due è seguire un programma di mangiare/giocare/dormire.

Alcuni altri modi in cui puoi aiutare il tuo bambino ad avere un sonno più lungo e riposante per evitare la stanchezza eccessiva:

    • Andare a dormire presto e regolarmente – I bambini diventano naturalmente assonnati tra le 19:00 e le 20:00 (per i bambini di età superiore a 3 mesi), rendendola la finestra perfetta per metterli a letto! Se aspetti fino a tardi, probabilmente si stancheranno troppo, si riprenderanno e l'ora di andare a dormire diventerà una lotta. Anche l’orario di andare a dormire tardi e incoerente è un grande colpevole dell’aumento dei risvegli notturni. Cerca di far andare il tuo bambino a letto alla stessa ora ogni notte, 30 minuti più o meno.
    • Crea una routine della buonanotte calmante, prevedibile e coerente . È dimostrato che questo aiuta i bambini ad addormentarsi più velocemente e a rimanere addormentati più a lungo rispetto a quando non si adotta una routine della buonanotte coerente ogni notte.
    • Assicurati che il tuo bambino riceva un'alimentazione completa durante il giorno e una routine prima di andare a dormire, in modo che non si svegli più di notte per soddisfare il suo fabbisogno calorico!
    • Pisolini regolari: i sonnellini diurni e il sonno notturno sono collegati! Assicurati di dare al tuo bambino molte opportunità di riposare durante il giorno e, se ha difficoltà a dormire in modo indipendente, è più importante aiutarlo a riposare di cui ha bisogno piuttosto che lasciarlo troppo stanco.

CONSIGLIO BONUS: ROUTINE DELLA NOTTE CALMANTE, PREVEDIBILE E COERENTE

Le routine forniscono stabilità emotiva, sicurezza e fiducia al bambino. Grazie alla prevedibilità generata dalla ripetizione di un’abitudine o di una routine, i bambini si sentono sicuri. Quando un bambino può prevedere ciò che accadrà in ogni momento, è in grado di sentire un certo controllo sulla sua vita quotidiana e quel controllo genera fiducia e la fiducia porta alla calma e alla serenità; sensazioni perfette per dormire più tranquilli.

Una routine pre-pisolino può includere portare il bambino nella sua stanza, chiudere le persiane o le tende, mettere il bambino nel sacco a pelo o nella coperta, dargli la bambola della compagna dei suoi sogni, cantare una canzone veloce, dargli qualche coccola e dire il tuo parole della buonanotte: “Ti amo. Spero che tu abbia un bel sogno.

Seguire la stessa identica routine nel modo più coerente possibile indurrà il bambino ad addormentarsi e, col tempo, imparerà che il sonno segue immediatamente dopo quella routine.

Puoi aiutare il tuo bambino in questo processo di apprendimento a seguire la routine e ad addormentarsi da solo con l'aiuto dellabambola Lulla . L'introduzione di un peluche come la bambola Lulla permette al bambino di associare il sonno al peluche e di riconoscere più facilmente che è ora di dormire. Inoltre, permette loro di sentirsi al sicuro quando escono dalla stanza o quando si svegliano durante la notte. Creerai un'associazione positiva di conforto prima di andare a dormire.